Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Chiara da Montefalco

Date rapide

Oggi: 17 agosto

Ieri: 16 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Positano NotiziePositano Notizie Costiera Amalfitana

La rivista on line della Costiera Amalfitana

Marilù Moda Positano sapori e colori della Costa d'Amalfi, gusto, stile ed eleganza made in Positano Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Positano Notizie

Marilù Moda Positano sapori e colori della Costa d'Amalfi, gusto, stile ed eleganza made in Positano Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Tu sei qui: Storia e StorieLa Carta d’Identità di Vincenzo Galani maître del ristorante "La Sponda" di Positano*

Storia e Storie

Sirenuse Journal

La Carta d’Identità di Vincenzo Galani, maître del ristorante "La Sponda" di Positano*

da 37 anni lavora in uno degli alberghi più prestigiosi del mondo

Scritto da (admin), domenica 8 aprile 2018 09:49:26

Ultimo aggiornamento venerdì 8 giugno 2018 10:07:58

Nato a: Praiano, il 22 novembre 1960
Lavoro: Maître, ristorante La Sponda, Le Sirenuse
Lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, un po' di tedesco
Famiglia: sposato da trent'anni (sua moglie è argentina, si sono incontrati a Mar de Plata). Ha due figli, uno al liceo, l'altro uno studente di giurisprudenza.
Interessi: scrivere poesie, pescare e coltivare il suo piccolo orto.

La sua lunga collaborazione con Le Sirenuse
Ho iniziato a lavorare nell'ospitalità quando avevo 13 anni in una piccola guest house locale. Ho imparato il mestiere in posti vicini a casa come il Tritone e il San Pietro, poi a Montreux, in Svizzera. Avevo solo 21 anni quando tornai in Costiera Amalfitana per lavorare a Le Sirenuse. Ho conosciuto la generazione precedente, i quattro fratelli che avevano trasformato la loro casa in un hotel negli anni '50: Aldo, Paolo, Anna e Franco. Erano personaggi di una commedia di Edoardo De Filippo, meravigliosi aristocratici napoletani all'antica. Una cosa che ricordo chiaramente del marchese Aldo: era molto superstizioso. Aveva l'abitudine di "toccare ferro" per tutto il tempo. Così ho iniziato la mia avventura e mi sono fatto strada. Sono stato chef de rang, sommelier, secondo maître. Quando sono diventato maître, Antonio Sersale era appena diventato direttore dell'hotel dopo suo padre, il Signor Franco. Ho imparato molto da lui.

La sua giornata lavorativa
Non ho orari fissi: tengo d'occhio il ristorante per tutto il giorno, a colazione, pranzo e cena. Rispondo a lettere ed e-mail, aiuto con le prenotazioni, all'esigenza servo il vino, dato che sono allenato anche come sommelier. Insomma faccio qualsiasi cosa ci sia bisogno di fare.

Sulla sua poesia
Scrivo poesie da parecchi anni ormai. Molte di loro sono in dialetto napoletano. A volte le recito quando l'ospite la richiede e non è raro, di sera, trovarmi a cantare canzoni della tradizione popolare con i nostri artisti della posteggia napoletana (chitarra e mandolino). Capita che le poesie vengano da me di notte. Se il mio telefono è accanto al mio letto, lo utilizzo per scrivere rapidamente, poi le sistemo al mattino. Mi piace cercare le foto a cui allegare le mie poesie quando le condivido su Facebook o Instagram (@upoeta). Forse la mia vena poetica ha qualcosa a che fare con dove vivo: si tratta di affrontare 200 gradini, nella parte di Praiano chiamata Capo Vettica, che regala una vista incredibile. Ogni giorno ti svegli e vedi Positano, Li Galli, Capri, e non sono mai le stesse, la luce cambia costantemente. Fa bene all'anima vivere in un posto come questo. Sono entrato nel mio orto l'altro giorno per raccogliere dei broccoli che avevo seminato e c'erano sette o otto coppie di bruchi che facevano l'amore sulle piante. Ne ho scritto un poema. Solo di recente un vecchio residente di Praiano che aveva scoperto i miei versi mi ha detto qualcosa che non sapevo: "Sei proprio come il tuo bisnonno, era anche lui un poeta".


Cosa serve per essere un buon maître

Passione e spontaneità: è essenziale avere una squadra dietro di te su cui fare affidamento; a volte si tratta solo delle persone giuste nel posto giusto, questo è ciò che fa la differenza. Inoltre, bisogna sempre prestare molta attenzione: anche quando canto una canzone napoletana tra i tavoli con i musicisti Franco e Andrea non smetto mai di osservare cosa sta succedendo nel ristorante. Puoi vederlo negli occhi di un ospite se qualcosa non va bene. Quindi, far vivere una bella esperienza ai nostri ospiti è fantastico. Tempo fa una coppia americana è venuta qui a pranzo l'altro giorno in motoscafo da Napoli. Sono stati con noi per circa quattro ore, apprezzando il cibo, il servizio, la vista, l'atmosfera. "Adesso è adorabile", dissi loro, "ma dovreste vederlo la sera quando tutte le candele sono accese: è magico!". Rientrarono all'Hotel Vesuvio a Napoli; il tempo di una doccia e di imbarcarsi nuovamente verso Positano, entrando nel nostro ristorante esclamando "Ciao Vincenzo! Siamo qui". Mai avrei immaginato che sarebbero ritornati! Il destino volle, poi, che proprio in quell'istante, uno dei migliori tavoli si liberasse...

Nu bicchiere e..vino

di Vincenzo Galani


Quante fantasie attorno a te

Parole grosse ed eleganti ppè te vulè

A me nun me importano tutt' sti cose

Frisco, tannico, o ch' sapè e rose

Io ti voglio comm' si fatto

Senza imbruoglio.. accumpagnan sto piatto

*Articolo tradotto dall'originale "Carta d'Identità: Vincenzo Galani, maître" pubblicato sul portale Sirenuse Journal (Clicca qui per l'articolo originale in lingua inglese, foto di Roberto Salomone)

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Storia e Storie

Quando i Saraceni sbarcarono a Positano, era il 14 agosto e la Madonna Nera disse: “Posa, Posa!”

Nell'alto Medioevo, in un periodo oscuro della storia di Positano e della quale, oggi, poco o nulla sappiamo, un'antica tavola raffigurante una Madonna Bizantina giunse sul litorale. Da chi e quando vi fu portata, non è chiaro. Ma intorno a questo quadro, che ancora intatto si conserva nella chiesa del...

Storia e Storie

Marilù Positano: lo stile, l'eleganza e la raffinatezza come simboli distintivi del made in Amalfi Coast

Tutto inizia negli anni Settanta, in una piccola bottega sulla spiaggia di Positano un tempo adibita a ricovero invernale per le barche. È qui che una ragazza di vent'anni, affascinata dai colori e dalle forme che in quegli anni erano in continuo cambiamento, inizia a realizzare uno stile nuovo, diverso...

Storia e Storie

Chiesa Madre, come ogni anno i fedeli si attivano per la pulizia delle cupola

Come ogni anno, in occasione della festa dell'Assunta che si tiene il 15 agosto, un manipolo di fedeli, allenati e coraggiosi, si sono attivati per la pulizia di uno dei simboli della bellezza di Positano: la Cupola della Chiesa Madre. Amore per la propria città e tanta devozione alla base di questo...

Storia e Storie

Sal De Riso Costa d’Amalfi, un marchio registrato sinonimo di qualità

Sono trascorsi già due anni dall'inaugurazione dell'unico punto vendita a Minori delle specialità dolciarie del Maestro Pasticcere Sal De Riso: uno spazio polifunzionale di circa 250 metri quadrati, capaci di esprimere a tuttotondo il mondo di Sal De Riso. Un trentennio di successi che hanno contribuito...

Villa Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera Amalfitana Umberto Carro Fashion Store Positano Ristorante Bistrot louge bar La Brezza Net Art Cafe La cultura in Costiera Amalfitana passa per il Ravello Festival edizione 2018 Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana