Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 16 ore fa S. Chiara da Montefalco

Date rapide

Oggi: 17 agosto

Ieri: 16 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Positano NotiziePositano Notizie Costiera Amalfitana

La rivista on line della Costiera Amalfitana

Marilù Moda Positano sapori e colori della Costa d'Amalfi, gusto, stile ed eleganza made in Positano Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Positano Notizie

Marilù Moda Positano sapori e colori della Costa d'Amalfi, gusto, stile ed eleganza made in Positano Ravello Festival edizione 2018, il fascino della cultura in Costa d'Amalfi Pasticceria Andrea Pansa dal 1830 addolcisce la Costa d'Amalfi

Tu sei qui: Storia e StoriePositano: il "pertuso" di Monte Paipo e la scommessa tra il Diavolo e la Madonna

Storia e Storie

Positano: il "pertuso" di Monte Paipo e la scommessa tra il Diavolo e la Madonna

Scritto da (admin), sabato 21 aprile 2018 12:02:33

Ultimo aggiornamento venerdì 8 giugno 2018 10:08:12

Meta ideale per coloro che desiderano dedicarsi al trekking in Costa d'Amalfi, la frazione di Montepertuso è situata nella parte alta di Positano, raggiungibile attraverso una strada carrabile che si inerpica su per la collina, e prende il nome dal buco (in dialetto "pertuso") che caratterizza la cima che domina il paesaggio.

Quel buco è al centro di una leggenda che sfocia nel sacro. Si dice che a bucare il monte sia stato il dito indice della Vergine Maria. Il demonio, deciso a sfidarla, tentò di bucare la montagna con le sue mani per dimostrare la propria forza, senza successo. Fu allora che la Madonna, impietosita, sfiorò col dito il monte che si sgretolò immediatemente. Sconfitto, il diavolo precipitò sulle rocce dove, secondo alcuni, ancora oggi, è visibile una gigantesca orma impressa nella pietra.

Gli antichi abitanti del Montepertuso furono svegliati nel cuore della notte da tuoni e rumori fortissimi. Usciti dai propri rifugi, vennero abbagliati da una luce bianca con al centro una figura. Era la Vergine. In particolare, una ragazza fu avvolta da quella luce e udì una voce che con tono materno le disse: «Non aver più paura, il demonio è stato maledetto ed i suoi sforzi contro questo monte sono finiti, perché distrutto è lo spirito maligno. Resti del suo corpo a forma di serpente si trovano all'altro versante della roccia viva. Vieni dunque con me e accompagnami sulla collina della selva Santa, ove ci fermeremo per sempre».

Su quella collina, oggi sorge il tempio dedicato alla Vergine delle Grazie, con di fronte il monte forato dalla Vergine Madre che dà il nome alla frazione. Sull'altro versante della montagna sono ancora impresse nella roccia le tracce della sconfitta del maligno. Ancora oggi, ogni 2 luglio, i fedeli della parrocchia di Santa Maria delle Grazie, ma anche i devoti di Positano e dei paesi vicini, celebrano quell'evento con la rievocazione della "Leggenda di Montepertuso". Un impianto illuminotecnico circonda il buco della montagna, creando giochi di luci con colori diversi (bianco, rosso e verde) mentre in sottofondo una voce rievoca l'antica storia. E proprio dal buco della montagna parte la processione che arriva fino alla Chiesa della piccola frazione dedicata alla Madonna delle Grazie.

Foto: Fabio Fusco

Leggi anche:

La luna che si scorge dal buco del Paipo: Fabio Fusco affascina con lo scatto perfetto

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Storia e Storie

Storia e Storie

Quando i Saraceni sbarcarono a Positano, era il 14 agosto e la Madonna Nera disse: “Posa, Posa!”

Nell'alto Medioevo, in un periodo oscuro della storia di Positano e della quale, oggi, poco o nulla sappiamo, un'antica tavola raffigurante una Madonna Bizantina giunse sul litorale. Da chi e quando vi fu portata, non è chiaro. Ma intorno a questo quadro, che ancora intatto si conserva nella chiesa del...

Storia e Storie

Marilù Positano: lo stile, l'eleganza e la raffinatezza come simboli distintivi del made in Amalfi Coast

Tutto inizia negli anni Settanta, in una piccola bottega sulla spiaggia di Positano un tempo adibita a ricovero invernale per le barche. È qui che una ragazza di vent'anni, affascinata dai colori e dalle forme che in quegli anni erano in continuo cambiamento, inizia a realizzare uno stile nuovo, diverso...

Storia e Storie

Chiesa Madre, come ogni anno i fedeli si attivano per la pulizia delle cupola

Come ogni anno, in occasione della festa dell'Assunta che si tiene il 15 agosto, un manipolo di fedeli, allenati e coraggiosi, si sono attivati per la pulizia di uno dei simboli della bellezza di Positano: la Cupola della Chiesa Madre. Amore per la propria città e tanta devozione alla base di questo...

Storia e Storie

Sal De Riso Costa d’Amalfi, un marchio registrato sinonimo di qualità

Sono trascorsi già due anni dall'inaugurazione dell'unico punto vendita a Minori delle specialità dolciarie del Maestro Pasticcere Sal De Riso: uno spazio polifunzionale di circa 250 metri quadrati, capaci di esprimere a tuttotondo il mondo di Sal De Riso. Un trentennio di successi che hanno contribuito...

Villa Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera Amalfitana Umberto Carro Fashion Store Positano Ristorante Bistrot louge bar La Brezza Net Art Cafe La cultura in Costiera Amalfitana passa per il Ravello Festival edizione 2018 Sal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera Amalfitana