Ultimo aggiornamento 5 minuti fa S. Bonaventura vesc.

Date rapide

Oggi: 15 luglio

Ieri: 14 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi

Positano Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Pasticceria Pansa, una dolce storia lunga due secoliIl San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoCeramica Assunta augura da Positano buone feste a tutti i nostri lettori. Acquista on line le creazioni artigianali "Made in Amalficoast"Profumo di limoni nella Pasticceria del Maestro Sal De Riso. Da più di 25 anni la torta ricotta e pere è la più amata d'Italia Connectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Amalfi Coast officialHotel Santa Caterina Amalfi GM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi

Tu sei qui: CulturaCastellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento

Villa Mary Charming Bed & Breakfast - Liparlati - Positano - Amalficoast - Costiera AmalfitanaPalazzo don Salvatore Amalfi, Costiera Amalfitana, Dimore storiche, Exclusive AccommodationVilla Romana Hotel & SPA Minori Amalfi Coast ItalyZia Pupetta Suites in Costiera Amalfitana: un esclusivo Bed & Breakfast di Charme in piazza Duomo ad AmalfiAmalfi Boats Costiera Amalfitana, Charter, Noleggio imbarcazioni, Luxury Boats, Positano, Li Galli, Capri, EscursioniPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Umberto Carro Fashion Store Positano Ceramica Assunta Positano - dal 1948 le ceramiche positanesi

Cultura

Castellammare, museo archeologico, inaugurazione, allestimento

Castellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento

All’inaugurazione del nuovo percorso museale assieme al Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, sono intervenuti il Direttore Generale dei Musei, Massimo Osanna, il Prefetto Capo della Commissione Straordinaria di Castellammare di Stabia, Raffaele Cannizzaro, il Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei, Gabriel Zuchtriegel, la Direttrice del Museo Archeologico di Stabia "Libero D’Orsi", Maria Rispoli, il Prof. Carlo Rescigno dell’Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), martedì 5 marzo 2024 10:49:10

Il Museo Archeologico di Stabia "Libero D'Orsi" riapre al pubblico il 6 marzo nel suo rinnovato allestimento, con un percorso ampliato, depositi visitabili e scuola di formazione e digitalizzazione.

All'inaugurazione del nuovo percorso museale assieme al Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, sono intervenuti il Direttore Generale dei Musei, Massimo Osanna, il Prefetto Capo della Commissione Straordinaria di Castellammare di Stabia, Raffaele Cannizzaro, il Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei, Gabriel Zuchtriegel, la Direttrice del Museo Archeologico di Stabia "Libero D'Orsi", Maria Rispoli, il Prof. Carlo Rescigno dell'Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli'.

Nell'occasione è stato anche presentato dal Comandante del NCTP, Cap. Massimiliano Croce il recupero di circa 125 reperti archeologici di produzione campana, frutto di una complessa attività ispettiva condotta dal Nucleo TPC di Napoli, con la collaborazione dell'Arma Territoriale di Torre Annunziata e in sinergia con il Parco archeologico di Pompei - Area Tutela, nei confronti di un collezionista privato della provincia di Salerno. I reperti saranno tutelati e valorizzati nel contesto del rinnovato Museo Archeologico di Stabia "Libero D'Orsi".

Si duplicano le sale e si arricchisce la collezione di opere provenienti dalle ville del territorio stabiese. 507 i reperti ora esposti, tra dipinti murali, arredi marmorei, suppellettili in ceramica e bronzo. Il percorso si integra con tecnologie e apparati multimediali didattici che implementano l'accessibilità fisica e culturale delle opere e dei contenuti. Valorizzati anche i depositi del complesso, secondo un nuovo concept finalizzato a renderli non più solo luoghi di conservazione ma anche di fruizione e ricerca, aperti al pubblico.

Il Museo è ospitato dal 2020 negli spazi della Reggia di Quisisana - edificio che vanta una storia di oltre sette secoli, poi valorizzato in epoca borbonica - come spazio dedicato all'esposizione di numerosi e prestigiosi reperti del territorio stabiano, insieme a preziose testimonianze della vita quotidiana, in particolare quella che si svolgeva nelle ville romane d'otium (lussuose residenze finalizzate al riposo, del corpo e dello spirito, dalle attività e dagli affari) e nelle ville rustiche (simili nella concezione alle moderne fattorie), site in posizione panoramica con "vista" sul Golfo di Napoli.

L'operazione di valorizzazione del complesso del Quisisana, in concessione d'uso dal Comune di Castellammare, fu curata e promossa dal Parco Archeologico di Pompei diretto all'epoca dall'attuale Direttore Generale dei Musei,Massimo Osanna, consentendo di restituire al patrimonio italiano il più antico sito reale borbonico, oggi sede di un prestigioso Museo e centro di cultura.

"La riapertura al pubblico del Museo Archeologico di Stabia, con il suo nuovo allestimento, le sue collezioni arricchite dai reperti provenienti dalle ville stabiesi e la riunione temporanea con quelli conservati al MANN, le sue sale rinnovate, il centro di formazione avanzato, è una notizia bellissima per la cultura. Questo è un sito unico che, grazie al lavoro di tutti, torna a splendere e ad offrire ai cittadini e agli appassionati un'offerta incredibile di testimonianze storiche di grandissimo rilievo. Un tassello fondamentale dell'operazione strategica di valorizzazione di questa area, all'interno del progetto della Grande Pompei, ovvero quell'immenso parco della storia diffuso, entro cui insistono le aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Stabia, Oplontis, Boscoreale e tutto il territorio circostante. Il nuovo Museo di Stabia sarà una delle perle di questo progetto che testimonia, ancora una volta, la centralità che la Campania ha per l'archeologia mondiale e la nostra scelta di continuare ad investire su queste meravigliose ricchezze del patrimonio culturale della Nazione.- dichiara il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano-Su Castellammare c'è anche un finanziamento del Ministero pari a 4mln di euro per il restauro e la rifunzionalizzazione del Convento di San Francesco, alle spalle del Museo Diocesano. Il progetto esecutivo è in consegna. Entro l'estate avvieremo i lavori".

"Oggi si raccolgono i frutti di un progetto ambizioso in cui ho creduto da sempre, impegnandomi in prima linea per la valorizzazione della Reggia di Quisisana, divenuta, dal 2020, il naturale e prestigioso spazio espositivo del patrimonio archeologico dell'antica Stabiae.- dichiara il Direttore generale dei Musei, Massimo Osanna-Visitare il Museo Archeologico di Stabia significa non soltanto comprendere la vita e la cultura del passato, ma anche proiettarsi verso il futuro: qui, infatti, si intende costruire un modello virtuoso di dialogo con il territorio, una buona pratica basata sulla sinergia interistituzionale e sulla ricerca scientifica sperimentale. L'istituto, che riapre al pubblico con un nuovo allestimento arricchito nella compagine di reperti esposti e nella metodologia di comunicazione didattica, è un invito alla scoperta della nostra storia: anche l'accordo di valorizzazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha permesso di proporre ai visitatori un viaggio straordinario tra manufatti appena sottoposti a un'attenta campagna di restauro".

"Il Museo Archeologico di Stabia è molto più di un museo di opere archeologiche di pregio, per quantità e qualità che evidenziano il valore storico e culturale del territorio stabiano- sottolinea il Direttore Gabriel Zuchtriegel-ma un vero e proprio polo culturale e centro di ricerca di richiamo internazionale, in quanto sede di una scuola di formazione per la valorizzazione dei beni culturali dotata di attrezzature per la digitalizzazione e depositi accessibili per la ricerca e lo studio".

Oggi il percorso di visita è stato ampliato con l'introduzione di nuovi reperti restaurati mentre quello esistente è stato rivisitato alla luce dell'introduzione delle nuove tecnologie, di apparati multimediali e didattici. Per la prima volta gli allestimenti mettono insieme gli apparati decorativi delle ville marittime rinvenute sulla collina di Varano durante gli scavi di età borbonica e quelli scoperti da Libero D'Orsia partire dal 1950.

L'allestimento che vede riuniti, dopo oltre 250 anni, i reperti stabiesi conservati al MANN e quelli rinvenuti dal preside, oggi custoditi al Quisisana, è stato possibile grazie all'Accordo siglato con il MANN per la valorizzazione del patrimonio stabiano che consente al museo di avere in prestito per tre anni molti dei reperti rinvenuti a Stabia secondo cicli di rotazione. Pertanto, per la prima volta sarà possibile fruire degli apparti decorativi organizzati per contesti di provenienza.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Positano Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie di Positano Notizie, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

Castellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento<br />&copy; Gennaro Sangiuliano Castellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento © Gennaro Sangiuliano
Castellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento<br />&copy; Gennaro Sangiuliano Castellammare, riapre il museo archeologico di Stabia con un rinnovato allestimento © Gennaro Sangiuliano

rank: 101331104

Cultura

Lĕvĭtās: ad Amalfi in mostra cinque opere di Andrea Roggi

Corpi, come tronchi d'amore. E poi radici e rami. Che si intrecciano proiettandosi verso l'alto quasi a graffiare il cielo. Sono le opere di Andrea Roggi, scultore di straordinaria sensibilità artistica, la cui manualità forgia il bronzo regalando creazioni di straordinaria naturalezza. Saranno allestite...

Salerno, nasce la Fondazione “Alfonso Grassi” dedicata all'omonimo artista

Nasce la Fondazione "Alfonso Grassi" E.T.S., con lo scopo di promuovere le arti, la cultura e le attività sociali e benefiche nel nome del grande artista del Novecento, il maestro Alfonso Grassi (1918-2002). La Fondazione sarà presentata ufficialmente mercoledì 10 luglio 2024, alle ore 17.00, presso...

Sorrento, visite guidate al Museo Correale con gli studenti delle scuole cittadine

Per tutta l'estate, ogni martedì e venerdì, alle ore 10, sarà possibile usufruire di visite guidate gratuite al Museo Correale, grazie ad una iniziativa congiunta del Comune di Sorrento e del Museo Correale. Alunni delle scuole sorrentine accompagneranno i visitatori tra le bellezze uniche della struttura....

Sorrento: inaugurata la mostra "Linea sottile. Fine line" con le opere di Giusy Lauriola, Marina Falco e Vittorio Iavazzo

Inaugurata giovedì sera, a Palazzo Marziale, dimora sorrentina del 1400, la mostra dal titolo "Linea sottile. Fine line", con le opere degli artisti Giusy Lauriola, Marina Falco e Vittorio Iavazzo. La mostra è a cura dello storico dell'arte e gallerista Rossella Savarese, e nasce dall'unione d'intenti...

"La Dolce Vita": 6 luglio l'inaugurazione della mostra di Carla Chiusano a Capri

Sabato 6 luglio a Capri, presso la galleria di arte contemporanea Liquid Art System di Franco Senesi, inaugura la personale "La Dolce Vita" di Carla Chiusano, a cura di Ermanno Tedeschi. La mostra racconta il favoloso immaginario dell'artista, che in ogni quadro, tra colori sgargianti e ambientazioni...