Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Massimiliano K.

Date rapide

Oggi: 14 agosto

Ieri: 13 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera AmalfitanaPositano Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Il San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana, Positano Luxury Accommodation, Hotel 5 Stelle Lusso a PositanoSal De Riso Costa d'Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830 la dolcezza in Costiera AmalfitanaConnectivia, Internet Service Provider in fibraRavello Festival 2022 70esima edizione Costiera AmalfitanaEgea Energia per la Costa d'Amalfi - Nuovo sportello in Via roma, 5 a Maiori: insieme per una svolta sostenibileCeramica Assunta augura da Positano buone feste a tutti i nostri lettori. Acquista on line le creazioni artigianali "Made in Amalficoast"Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energetica

Positano Notizie

Il San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana, Positano Luxury Accommodation, Hotel 5 Stelle Lusso a PositanoSal De Riso Costa d'Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830 la dolcezza in Costiera AmalfitanaConnectivia, Internet Service Provider in fibraRavello Festival 2022 70esima edizione Costiera AmalfitanaEgea Energia per la Costa d'Amalfi - Nuovo sportello in Via roma, 5 a Maiori: insieme per una svolta sostenibileCeramica Assunta augura da Positano buone feste a tutti i nostri lettori. Acquista on line le creazioni artigianali "Made in Amalficoast"Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energetica

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaLa fine della pandemia non sarà annunciata dalla televisione. L'articolo del British Medical Journal tradotto da Byoblu

Flusso di Coscienza

Scienza, Ricerca, Percezione, Pandemia, Analisi, Pannelli di controllo

La fine della pandemia non sarà annunciata dalla televisione. L'articolo del British Medical Journal tradotto da Byoblu

Essendo un periodo straordinario in cui la vita sociale è stata stravolta, la pandemia di covid-19 sarà finita quando spegneremo i nostri schermi e decideremo che altre questioni sono ancora una volta degne della nostra attenzione.

Scritto da (Admin), giovedì 23 dicembre 2021 07:41:40

Ultimo aggiornamento giovedì 23 dicembre 2021 07:41:40

Vi riportiamo la traduzione completa (realizzata da Byoblu) di un documentato articolo dal titolo ‘The end of the pandemic will not be televised‘ (La fine della pandemia non sarà trasmessa in televisione) apparso sull'autorevole rivista scientifica The British Medical Journal (The BMJ) a firma del professor Peter Doshi (editorialista senior del BMJ nonchè professore associato e ricercatore scientifico presso la Scuola di Farmacia dell'Università del Maryland) e del dottor David Robertson (storico della scienza e della medicina focalizzato sulle scienze della mente umana presso l'università di Princeton).

di Peter Doshi - David Robertson (traduzione a cura di Byoblu)

I pannelli delle statistiche sulla pandemia hanno dominato gli schermi e hanno aiutato a tracciare il covid-19, ma David Robertson e Peter Doshi spiegano perché potrebbero non essere sufficienti per definirne la fine.

All'inizio del 2021, la pandemia di covid-19 sembrava regredire: erano nell'aria discussioni e previsioni sull'"apertura", sul ritorno alla "normalità" e sul raggiungimento dell'immunità di gregge. Ma per molti, l'ottimismo si è ritirato quando i casi e le morti sono aumentate in India, Brasile e altrove. L'attenzione si è rivolta alle varianti del virus SARS-CoV-2, più di recente, l'emergere di Omicron. Proprio mentre la fine sembrava essere all'orizzonte, è stata interrotta dal presagio che la fine della pandemia potrebbe essere molto lontana.

A differenza di qualsiasi precedente pandemia, il covid-19 è stato monitorato da vicino tramite metriche di dati che mirano a mostrare il movimento e l'effetto del coronavirus in tempo reale; tengono traccia delle metriche dei test di laboratorio, dei ricoveri ospedalieri e delle cure intensive, dei tassi di trasmissione e, più recentemente, delle dosi di vaccino consegnate. Questi pannelli di controllo, con le loro schede di numeri, statistiche, curve epidemiche e mappe colorate, hanno dominato i nostri televisori, computer e smartphone. Al centro c'è il fascino dell'obiettività e dei dati a cui aggrapparsi in mezzo all'incertezza e alla paura. Hanno aiutato le popolazioni a concettualizzare la necessità di un rapido contenimento e controllo, indirizzando il sentimento pubblico, alimentando la pressione per le contromisure e mantenendo un'aura di emergenza. Offrono un senso di controllo quando i casi si verificano a seguito di determinate contromisure, ma possono anche ingenerare un senso di impotenza e catastrofe imminente quando i casi aumentano.

Problematiche nel definire la fine della pandemia

Non esiste una definizione universale dei parametri epidemiologici della fine di una pandemia. Con quale metro, allora, sapremo che è effettivamente finita? L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato la pandemia di covid-19, ma chi ci dirà quando sarà finita ?

L'equivoco dei pannelli di controllo ha contribuito a creare la sensazione che la pandemia finirà quando tutti gli indicatori del "cruscotto" raggiungeranno zero (infezioni, casi, decessi) o 100 (percentuale di vaccinati). Tuttavia, le pandemie respiratorie del secolo scorso mostrano che non terminano in modo netto, e che la chiusura della pandemia è meglio intesa come avvenuta con la ripresa della vita sociale, non con il raggiungimento di specifici obiettivi epidemiologici.

Le pandemie respiratorie degli ultimi 130 anni sono state seguite da ondate stagionali annuali alimentate dall'endemia virale che in genere continua fino alla pandemia successiva. Ciò che va giù torna su, e la difficoltà di datare la fine di una pandemia si riflette nella letteratura storica ed epidemiologica. Sebbene molti studiosi descrivano l' "influenza spagnola" come verificatasi in tre ondate dal "1918 al 1919", anche i riferimenti alla pandemia "1918-1920" sono abbondanti, di solito catturando quella che alcuni chiamano una "quarta ondata".Allo stesso modo, la pandemia di "influenza asiatica" della metà del secolo è generalmente descritta come un evento a due ondate dal 1957 al 1958, ma altri includono una terza ondata, che pone fine alla pandemia nel 1959.

Questa variabilità nella datazione delle pandemie storiche evidenzia la natura imprecisa dell'utilizzo dei tassi di mortalità per determinare, anche retrospettivamente, la "fine" di una pandemia e l'inizio del periodo inter-pandemia. Ad esempio, il CDC oggi afferma che circa 100.000 americani sono morti in ciascuna delle pandemie influenzali del 1957 e del 1968. Ma queste stime includono i decessi che che hanno avuto luogo per la maggior parte tra le pandemie (rispettivamente 1957-1960 e 1968-1972).

L'idea, rafforzata dai pannelli di controllo, che una pandemia finisca quando i casi o i decessi scendono a zero è in contrasto con l'evidenza storica che una sostanziale morbilità e mortalità influenzale continua a verificarsi, stagione dopo stagione, tra le pandemie. Nella stagione inter-pandemica 1928-29, ad esempio, si stima che negli Stati Uniti si siano verificati oltre 100.000 decessi in eccesso correlati all'influenza A/H1N1 (il virus pandemico del 1918) in una popolazione pari a un terzo di quella odierna. Inoltre, può essere difficile discernere quali morti possono essere attribuite alla pandemia e quali appartengono al periodo inter-pandemia. Le distinzioni non sono banali, poiché l'eccesso di mortalità è la classica metrica per valutare la gravità. Gli anni inter-pandemici hanno talvolta avuto un numero di morti più elevato rispetto alle stagioni pandemiche successive, come la stagione 1946-47 che ha preceduto la stagione pandemica 1957-58 (fig 1).Pertanto, la fine di una pandemia non può essere definita dall'assenza di morti in eccesso associata al patogeno pandemico.

 

FIG. 1 - Tasso di mortalità mensile di tutte le cause negli Stati Uniti, con frecce e date in grassetto che indicano l'inizio delle pandemie, da gennaio 1900 a settembre 2021. La linea rossa indica una media mobile di 12 mesi. Si noti che dal 1905 al 1909, l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti ha fornito solo dati annuali (non mensili).

 

Interruzione e ripresa della vita sociale

Un altro modo in cui potremmo dichiarare la fine di una pandemia è considerare l'imposizione e la revoca di misure o restrizioni di salute pubblica. Le misure utilizzate nelle precedenti pandemie sono state più fugaci e meno invadenti di quelle utilizzate nel covid-19. Anche per la catastrofica influenza spagnola - che negli Stati Uniti ha ucciso tre volte più persone per popolazione rispetto al covid-19, con un'età media dei decessi di 28 anni, le vite sono tornate alla normalità in breve tempo, forse solo perché non c'era altra scelta. Nell'era prima di Internet, delle app per la consegna di cibo e delle riunioni video, il distanziamento sociale diffuso e prolungato semplicemente non era possibile, una situazione che rimane il caso oggi per molti lavoratori ritenuti "essenziali". Non esiste una relazione fissa o deterministica tra la patogenicità di un virus e l'intensità e la longevità degli interventi di sanità pubblica.

Rispetto alle precedenti pandemie, la pandemia di covid-19 ha prodotto un'interruzione senza precedenti della vita sociale. Le persone hanno una lunga esperienza della tragedia della malattia e della morte inaspettata negli anni delle pandemie e non, ma la pandemia di covid-19 è storicamente unica nella misura in cui cui l'interruzione e la ripresa della vita sociale è stata così strettamente legata alle metriche epidemiologiche (riquadro 1).

RIQUADRO 1

Approcci storici contrastanti ai virus respiratori pandemici

1918 "influenza spagnola"

Nel 1918, la prima ondata della pandemia fu lieve e "attirò relativamente poca attenzione". In risposta alla seconda ondata, che "si fece strada in tutto il mondo", alcune città degli Stati Uniti attuarono interventi non farmaceutici come la chiusura delle scuole e restrizioni alle riunioni pubbliche. La maggior parte delle contromisure è stata allentata entro due-otto settimane e l'interruzione della vita sociale è stata di durata relativamente breve.

John Barry, uno storico di spicco che studia la pandemia del 1918, ha spiegato: "l'intera faccenda è stata molto rapida".A differenza del covid-19, ha affermato, "lo stress non era continuo", osservando che molti luoghi hanno vissuto "diversi mesi di relativa normalità" tra le ondate. New York e Chicago, le due più grandi città del paese, non hanno mai ufficialmente chiuso le loro scuole nonostante le scuole di Chicago abbiano raggiunto un tasso di assenteismo di quasi il 50%. Dove le scuole hanno chiuso, sono rimaste chiuse per una media di quattro settimane (intervallo 1-10 settimane).

1957 "influenza asiatica"

La pandemia di "influenza asiatica" del 1957 ha raggiunto le coste americane verso la metà dell'anno. Nel corso dei nove mesi successivi, che includevano due ondate alla fine del 1957 e all'inizio del 1958, si stima che "80 milioni di americani fossero costretti a letto per malattie respiratorie". Nella prima ondata circa il 60% degli scolari era malato e i tassi di assenteismo raggiunsero il 20-30%. Eppure, anche quando si stimava che il 40% degli alunni in alcune scuole di New York fosse assente per l'influenza, il sovrintendente delle scuole della città consigliò che non c'era "nessun motivo di allarme e, su consiglio del Dipartimento della Salute, non abbiamo ridotto le attività". Alla fine di ottobre, le partite di football universitario in tutto il paese venivano cancellate perché molti giocatori erano malati. I team manager si sono dati da fare, mettendo in fila i sostituzioni dell'ultimo minuto e, alla fine, nessuna competizione importante è stata cancellata.

Come durante l'influenza spagnola, l'effetto sulla salute del nuovo virus H2N2 non è terminato quando la pandemia del 1957 era "finita". Nel 1960, Newsweek riferì che "senza la fanfara di due anni fa [il] virus dell'influenza asiatica stava tranquillamente facendo fuori quasi tutti quelli che gli erano sfuggiti la prima volta". All'inizio di quell'anno si stimava che il 20% degli scolari di Los Angeles - circa 120.000 bambini - e oltre il 15% dei lavoratori dell'industria fossero assenti a causa dell'influenza. Nonostante le dimensioni, questi impatti epidemiologici non hanno ingenerato la sensazione che la società fosse ricaduta in una pandemia.

1968 "Influenza di Hong Kong"

Un decennio dopo è arrivato un altro virus pandemico che i funzionari hanno stimato in seguito aver ucciso un milione a livello globale, ma il suo impatto sugli interventi di salute pubblica e sulla vita sociale è stato minimo. Lo storico John Barry scrive che per gli Stati Uniti "l'episodio non è stato significativamente più letale di una tipica brutta influenza". osservando che "poche persone che l'hanno vissuta sapevano che si è verificato". Lo storico Mark Honigsbaum sottolinea che "mentre al culmine dell'epidemia nel dicembre 1968, il New York Times ha descritto la pandemia come "una delle peggiori nella storia della nazione", ci sono state poche chiusure di scuole e attività commerciali, che per la maggior parte, ha continuato a funzionare normalmente".

Pannelli di controllo: combattere o alimentare la pandemia?

Mentre le rappresentazioni visive delle epidemie esistono da secoli, quella di covid-19 è la prima in cui le metriche in tempo reale hanno saturato e strutturato l'esperienza del pubblico.

Alcuni storici hanno osservato che le pandemie non si concludono quando cessa la trasmissione della malattia "ma piuttosto quando, nell'attenzione del pubblico in generale e nel giudizio di alcuni media e delle élite politiche che modellano quell'attenzione, la malattia cessa di essere degna di nota". I pannelli di controllo pandemici forniscono carburante senza fine, garantendo la costante notiziabilità della pandemia di covid-19, anche quando la minaccia è bassa. In tal modo, potrebbero prolungare la pandemia imponendo le chiusure o un ritorno alla vita pre-pandemia.

Disattivare o disconnettersi dai pannelli di controllo potrebbe essere l'azione più potente per porre fine alla pandemia. Questo non è nascondere la testa sotto la sabbia. Piuttosto, riconoscere che nessun insieme, singolo o congiunto, di metriche statistiche può dirci quando la pandemia è finita.

Nessuno vi comunicherà la fine della pandemia

La storia suggerisce che la fine della pandemia non seguirà semplicemente al raggiungimento dell'immunità di gregge o ad una dichiarazione ufficiale, ma piuttosto avverrà gradualmente e in modo non uniforme man mano che le società cesseranno di essere tutte consumate dalle misure scioccanti della pandemia. La fine della pandemia è più una questione di esperienza vissuta, e quindi è più un fenomeno sociologico che biologico. Quindi i pannelli di controllo - che non misurano la salute mentale, l'impatto educativo e la negazione di stretti legami sociali - non sono lo strumento che ci dirà quando finirà la pandemia. In effetti, considerando come le società sono arrivate a utilizzare i pannelli di controllo, questi potrebbero essere uno strumento che aiuta a prevenire il ritorno alla normalità. Le pandemie, almeno le pandemie virali respiratorie, semplicemente non finiscono in un modo suscettibile di essere visualizzato con delle metriche. Lungi da una spettacolare "fine", le pandemie svaniscono gradualmente man mano che la società si adatta alla convivenza con il nuovo agente patogeno e la vita sociale torna alla normalità.

Essendo un periodo straordinario in cui la vita sociale è stata stravolta, la pandemia di covid-19 sarà finita quando spegneremo i nostri schermi e decideremo che altre questioni sono ancora una volta degne della nostra attenzione. A differenza del suo inizio, la fine della pandemia non sarà trasmessa dalla televisione.

 

Leggi l'articolo originale su TBMJ: https://www.bmj.com/content/375/bmj-2021-068094

Leggi la traduzione originale su Byoblu: https://www.byoblu.com/2021/12/21/the-british-medical-journal-la-fine-della-pandemia-non-verra-annunciata-dalla-tv/

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Positano Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie di Positano Notizie, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 10047106

Flusso di Coscienza

Flusso di Coscienza

Vacanze estive, in sole due settimane abbandonati più di 1000 cuccioli di cane

Il tema sempre attuale dell'abbandono degli animali, purtroppo, aumenta in modo esponenziale durante il periodo estivo ed è l'Enpa - Ente nazionale protezione animali - a segnalare attraverso un report, numeri drammatici. Ma sono anche le modalità a far venire i brividi ( e non solo per chi ama gli animali...

Flusso di Coscienza

Alla vigilia dell'evento per la sicurezza stradale di Sorrento, riproponiamo la riflessione dell'ing. Giuseppe Mormile

Riproponiamo un articolo dell'Ing. Giuseppe Mormile, esperto di sicurezza e lavoro, pubblicato sul portale on line Il Vescovado lo scorso 19 novembre 2021. Troppo semplice a seguito di un evento tragico o di un fenomeno calamitoso erigersi a risolutori, giudici, avvocati, tecnici. Pertanto questa mia...

Flusso di Coscienza

Orsini in un duro attacco contro Massimo Giannini, direttore de "La Stampa"

Giornali nazionali contro pagina social, uno scontro un tempo impensabile e che invece riesce a far comprendere come oggi, grazie anche alla libertà, seppur vigilata, delle piattaforme di condivisione del pensiero, il peso e la credibilità della stampa tradizionale sia decisamente da rivalutare. Tutto...

Flusso di Coscienza

Przemyśl, la nuova opera della street artist Laika dal titolo "Come with me - All Refugees Welcome"

Przemyśl, 22 aprile. Nella notte tra il 21 e il 22 aprile l'artista Laika è tornata a colpire con un nuovo blitz. L'opera dal titolo "COME WITH ME - ALL REFUGEES WELCOME" ritrae una donna rifugiata ucraina che fugge insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata siriana ed una bambina...

Ravello Festival della Musica edizione 2022 - dal 1952 la grande Musica è di scena a RavelloConnectivia è l'azienda leader in Costiera Amalfitana e a Positano per le soluzioni di connettività a banda larga e ultra larga in fibra e wirelessSal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera AmalfitanaUmberto Carro Fashion Store Positano Ceramica Assunta Positano - dal 1948 le ceramiche positanesiEGEA energie del territorio, il nuovo operatore green della Costiera Amalfitana: l'energia verde prende formaCardine SRL social page, rocciatori, lavori in quota, messa in sicurezza post frana, ripristino pareti roccioseLo compro a Sorrento - Positano NotizieVendita, fornitura e assistenza di macchine per caffè, cialde, caffè in capsule, Caffè Granato la garanzia di un espresso di assoluta eccellenza in Costiera AmalfitanaBasilico Italia Sorrento, Pizza, Pasta, Cuoppo, Italian gourmet, ristorante, presidio di gusto in penisola sorrentina

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.