Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera AmalfitanaPositano Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Connectivia, Internet Service Provider in fibraMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniIl San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana, Positano Luxury Accommodation, Hotel 5 Stelle Lusso a PositanoSal De Riso Costa d'Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830 la dolcezza in Costiera AmalfitanaEgea Energia per la Costa d'Amalfi - Nuovo sportello in Via roma, 5 a Maiori: insieme per una svolta sostenibileCeramica Assunta augura da Positano buone feste a tutti i nostri lettori. Acquista on line le creazioni artigianali "Made in Amalficoast"Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energetica

Positano Notizie

Connectivia, Internet Service Provider in fibraMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniIl San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana, Positano Luxury Accommodation, Hotel 5 Stelle Lusso a PositanoSal De Riso Costa d'Amalfi Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiPasticceria Pansa ad Amalfi dal 1830 la dolcezza in Costiera AmalfitanaEgea Energia per la Costa d'Amalfi - Nuovo sportello in Via roma, 5 a Maiori: insieme per una svolta sostenibileCeramica Assunta augura da Positano buone feste a tutti i nostri lettori. Acquista on line le creazioni artigianali "Made in Amalficoast"Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energetica

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaRussia, il nemico indispensabile

Flusso di Coscienza

Ucraina, Guerra, Editoriale, Analisi, Storia, Conflitti

Russia, il nemico indispensabile

Riproponiamo questa interessante analisi pubblicata nel maggio del 2021 sul portale associazionepopolari.it e firmata da Giuseppe Ladetto

Scritto da (Admin), mercoledì 20 aprile 2022 07:26:35

Ultimo aggiornamento mercoledì 20 aprile 2022 07:26:35

Cercando un'immagine di un "orso russo", via Google immagini, ci siamo imbattuti in questa interessante analisi pubblicata sul portale Associazione Popolari e firmata da Giuseppe Ladetto il 21 maggio dell'anno scorso. Leggendola con il senno di poi, cioè oggi dopo che il conflitto è iniziato, possiamo affermare che i segnali di una guerra c'erano tutti e, probabilmente, molti di noi li hanno ignorati. Se avete voglia di approfondire, ascoltando anche opinioni diverse da quelle della propaganda filorussa o filoamericana, dedicate una decina di minuti alla lettura di questo articolo.

di Giuseppe Ladetto, articolo del 21 maggio 2021 pubblicato su associazionepopolari.it

"Dario Fabbri, un paio di mesi fa (marzo 2021, ndr), aveva espresso la preoccupazione che la nuova amministrazione americana, nel tentativo di ricompattare un Paese profondamente diviso, potesse cercare di riversare all'esterno la carica di violenza in esso presente indicando un nemico contro cui mobilitarsi. Qualche tempo dopo, richiesto di un commento alle accuse del presidente americano a Vladimir Putin, Fabbri ha ribadito che, dietro tale gesto, c'è esattamente l'intenzione sopra menzionata.

Visto che il nemico scelto da Joe Biden è la Russia, dobbiamo chiederci se questo nemico possa essere anche il nostro, partendo dalla necessaria conoscenza di che cosa sia la Russia attuale.

I) Non dimentichiamo che la Russia è geograficamente una porzione dell'Europa: la sua estensione a ovest degli Urali rappresenta il 42% della superficie europea, e il 76% della sua popolazione risiede nel nostro continente. Soprattutto la Russia appartiene all'Europa culturalmente. A partire dal XVIII secolo, è stato significativo il contributo russo all'edificazione della composita mens europea che ci distingue dalle altre civiltà: basti citare i nomi di Fedor Dostoevskij e di Lev Tolstoj il cui apporto va ben oltre la dimensione letteraria.

II) I media occidentali tendono a identificare la Russia con l'URSS stabilendo una continuità fra i due soggetti nei programmi espansivi di ordine imperiale.

Fra la Russia zarista, l'Unione Sovietica e la Russia attuale non mancano aspetti di continuità: è l'onda lunga della storia che fa emergere alcune costanti geopolitiche nei percorsi secolari dei vari Paesi. Tuttavia, c'è una profonda differenza. In primo luogo, per dimensione territoriale e demografica, la Russia non ha il peso che aveva l'URSS, al cui vertice politico e militare, inoltre, ci sono state molte personalità non russe (in particolare ucraini e georgiani). Soprattutto, a sostegno di un disegno egemonico planetario, l'URSS disponeva di una ideologia universalistica, il comunismo, mentre la Russia attuale ne è priva. Limita il suo interesse ai territori che storicamente le sono appartenuti per secoli.

Oggi, si sottace quanto Ucraina e Bielorussia siano state parte non marginale del mondo russo fin dalle sue origini quando il regno della "Rus di Kiev", culla dell'odierna Russia, comprendeva in notevole misura il territorio di questi due paesi. Fra questi e la Russia, è sempre esistito un forte legame etnico-culturale riguardante la comune appartenenza all'ortodossia e la componente linguistica: russo, ucraino e bielorusso sono varianti dello slavo orientale, lingue di mutua intelligibilità; si aggiunga che il russo è lingua ufficiale in Bielorussia, insieme al bielorusso, e che in Ucraina oltre il 30% della popolazione è di madrelingua russa. A testimoniare la comune storia culturale, ricordo, come esempio, che erano ucraini Nikolaj Gogol, Michail Bulgakov e Vasilij Grossman, importanti voci della letteratura russa.

III) Nei media occidentali, viene dato largo spazio ai timori dei Paesi dell'Europa orientale nei confronti della Russia. Sarebbe opportuno sentire l'altra campana, e considerare la situazione anche dal punto di vista russo. L'Ucraina e la Bielorussia, al di là dei legami storici e culturali prima ricordati, rappresentano, agli occhi dei russi, uno spazio difensivo strategico attraverso il quale, fin dal XII secolo, sono passate le molte aggressioni e invasioni da occidente: svedesi, ordine teutonico, lituani, polacchi, ancora svedesi, fino a Napoleone e Hitler.

Alla base dell'avversione della Polonia e della Lituania verso la Russia, c'è una lunga storia di contrasti nella quale questi due Paesi non sono sempre stati le vittime. Nei secoli passati, la Polonia, che, con la Lituania, è stata una rilevante potenza europea, approfittando della situazione critica della Russia invasa dai mongoli, si era espansa sulle terre della Bielorussia e di larga parte dell'Ucraina, imponendo il dominio di un'aristocrazia cattolica alle masse contadine ortodosse. Polacchi e lituani sono poi stati respinti progressivamente indietro dagli zar russi una volta che il proprio Paese era stato liberato dal dominio mongolo. Oggi, la Polonia sembra voler contendere alla Russia l'influenza su quelle terre che un tempo aveva dominato.

IV) La Russia è una grande potenza o un Paese in declino? Nei media occidentali, capita di ascoltare le più diverse e contrastanti risposte. Viene detto che la Russia ha una economia debole (il PIL e il reddito pro capite sono 1/7 e 1/3 di quelli USA); vive esportando materie prime (gas e petrolio in primis); le sue tecnologie sono vecchie e molti dei suoi impianti industriali sono obsoleti; il Paese, inoltre, sarebbe in declino demografico. La sua forza quindi sarebbe esclusivamente militare. Quest'ultima affermazione contraddice l'analisi che la precede. Infatti, senza un livello tecnologico adeguato e senza una solida economia, la forza militare è destinata a dissolversi in breve tempo (vedi l'impero ottomano nel XVIII secolo). Il Paese dispone di una forza militare di rilievo, che tuttavia non deve essere sopravvalutata: infatti, in materia, basta prendere in considerazione la spesa enormemente inferiore a quella americana e anche a quella del complesso dei Paesi della comunità europea. Certo possiede armi nucleari, che tuttavia costituiscono l'ultimo mezzo di difesa nel caso in cui il Paese venisse attaccata da forze soverchianti, armi tuttavia insufficienti a sostegno di una strategia aggressiva.

In realtà, la Russia non è un Paese in declino pur essendo modesto il suo ritmo di crescita. Sul piano demografico, è passata da 1,3 nati per donna dell'epoca eltsiniana ad 1,8 nati per donna oggi, un dato, in Europa, inferiore alla sola Francia (1,9), ciò che evidenzia una rinata fiducia nel futuro del Paese. Certo l'economia dipende ancora troppo dagli idrocarburi, ma il Paese è tecnologicamente avanzato in parecchi settori (industria militare, spaziale, informatica, nucleare, petrolifera ecc.) e ha una valida capacità di ricerca scientifica. Resta comunque una potenza certamente non confrontabile con gli USA e con l'Europa comunitaria per PIL, per sviluppo industriale e sul piano demografico (146 milioni di abitanti contro 446 della UE e 330 degli Usa). È quindi difficile immaginare da dove possa venire quel pericolo russo denunciato dai media occidentali. Come sempre i numeri smentiscono le parole quando usate strumentalmente.

V) La Russia, viene detto, non è un paese democratico. Certo la Russia non è una liberaldemocrazia, sistema estraneo alla sua storia e cultura. Ciò tuttavia vale per la più parte dei Paesi dell'Europa orientale e dell'area balcanica. Si evidenzia nel mondo russo la presenza (anche sul piano istituzionale) di componenti risalenti a quella radice bizantina che ha marcato la sua civiltà e il mondo ortodosso, rappresentandone una caratteristica costitutiva. Ma non aderire alla liberaldemocrazia non ne fa una dittatura o peggio un Paese totalitario. Aleksandr Solgenitzin, che ha combattuto il totalitarismo pagando un alto prezzo, non ha mai condiviso i "valori" occidentali con l'individualismo spinto che li caratterizza, e ha sempre proposto ai suoi concittadini un cammino coerente con i connotati culturali e le tradizioni del proprio Paese. Anche Michail Gorbaciov, considerato il liquidatore del sistema sovietico, è oggi molto critico con l'Occidente: lo accusa di aver approfittato del clima di distensione, che doveva aprire a una coesistenza pacifica, per estendersi a est; si schiera, pertanto, con Putin nella difesa del proprio Paese.

In Russia, Putin gode ancora di un consenso maggioritario, malgrado le manifestazioni di oppositori e nonostante che nelle ultime elezioni amministrative, a Mosca ed alcune città, il partito "Russia unita" abbia registrato un calo di consensi. Tuttavia, è ancora tutto da definire il seguito delle formazioni politiche promotrici delle manifestazioni di cui parlano con dovizia i media occidentali, tenuto conto che, nelle ultime elezioni, il secondo partito per consenso elettorale è stato quello comunista, seguito dai "nazionalisti" di Vladimir Zirinovskij.

Andiamo un po' indietro nel tempo. Nell'URSS, il partito comunista aveva nella sostanza occupato lo Stato, sovrapponendosi ad esso in tutte le sue funzioni. Con il crollo del comunismo e del partito, la Russia si è trovata senza un apparato statale funzionante. Ne hanno approfittato avventurieri e predoni che, ai tempi di Boris Eltsin, si sono impadroniti delle strutture economiche e delle ricchezze del Paese, sotto il benevolo sguardo dell'Occidente. Ciò è durato per alcuni anni. Poi il Paese ha reagito con la ricostruzione della macchina statale, che ha riguardato la burocrazia, le forze armate, la magistratura, il settore pubblico dell'economia, ecc. Sono così state tagliate in larga misura le unghie agli oligarchi, ancorché si siano fatti compromessi con la componente di questi meno legata alla gestione predatoria di Eltsin, un fatto, quest'ultimo, certamente negativo, così come lo è la corruzione ancora presente nell'amministrazione dello Stato. Comunque, per una tale trasformazione, occorreva un leader forte, quale è stato Putin, ciò che non ne fa un dittatore o peggio un tiranno.

Su un piano più generale, bisogna tenere conto che le linee politiche messe in campo dalla Russia sono dettate dalle ragioni su cui si regge il suo status di potenza, sia pure di medio peso, non certo dalla semplice volontà o dai capricci di chi ricopre posizioni di governo. Certo Putin, da venti anni al potere, dà segni di stanchezza, ma è illusorio pensare (come si auspica in certi ambienti americani) che, dopo di lui, possa affermarsi un qualche novello Eltsin, in versione liberal, pronto nuovamente a svendere il Paese all'Occidente.

VI) Perché la Russia è percepita in Occidente come un attore ostile? In realtà la domanda va capovolta, perché è l'Occidente ad essere ostile alla Russia.

Come già l'URSS di Gorbaciov, la Russia postsovietica chiedeva di essere trattata alla pari dagli Stati Uniti e dalle potenze europee. Ma ben presto Washington, nella convinzione che gli eventi avessero reso la Russia marginale, contravvenendo ad impegni presi, ha esteso la NATO verso est, fino a comprendere Paesi ex sovietici. Un passo che è stato avvertito da tutti i russi come una minaccia, mentre il tentativo attuale di portare Ucraina e Georgia nella NATO sarebbe considerato un atto di guerra contro il Paese. Il risultato di tutto ciò, è una versione su scala ridotta della guerra fredda, ma che potrebbe diventare calda se non prevarrà il buon senso, almeno in Europa, ponendo fine all'insensata corsa alle reciproche sanzioni. Una corsa, tuttavia, iniziata con le sanzioni alle Russia, per gli interventi in Ucraina, da parte di Paesi europei che avevano pesantemente interferito nelle vicende di questa nazione, contribuendo alla cacciata del legittimo governo di Victor Janucovyc, Paesi che già in precedenza avevano giocato un ruolo primario nella dissoluzione della Jugoslavia e della Serbia. Poi vengono le sanzioni per Aleksej Navalny da parte di chi non trova nulla da dire su Julian Assange, da sette anni privato della libertà nel Regno Unito senza una presentabile motivazione.

VI) Per chi la Russia è il nemico necessario?

Si è già detto dello storico contrasto con la Polonia.

Lo può essere per una certa Germania (quella che si è attivata per favorire la "pseudorivoluzione arancione" ucraina) che, pur avendo consistenti ragioni e interessi per andare d'accordo con la Russia (un accordo che il cancelliere Bismarck riteneva vitale per il proprio Paese), gioca equivocamente una partita su due tavoli solleticando le fobie antirusse presenti negli ex satelliti sovietici, per allargare la sua influenza ad est, trascurando tuttavia che tali Paesi sono timorosi e ostili anche nei suoi confronti.

Soprattutto lo è per gli Stati Uniti che hanno due motivazioni: 1) continuare l'opera di ridimensionamento dello status di potenza russo; 2) agitare lo spauracchio russo per tener alta la tensione in Europa e soffocare sul nascere ogni velleità europea di autonomia nella politica estera e nella difesa. Infatti, il crollo dell'Unione Sovietica e lo sfaldamento del Patto di Varsavia avevano fatto venire meno ogni ragione per la sopravvivenza della NATO. Ma questa era necessaria all'America per mantenere una forte presenza militare nell'Europa occidentale a garanzia del suo ruolo egemonico, e, a tal fine, si è messa in campo una nuova minaccia: la Russia postsovietica.

VII) La Russia è ostile al processo unitario europeo? La Russia mira a un mondo multipolare (non più dominato da un'unica potenza), in cui trovare una sua collocazione. Poiché una Europa unita e sovrana potrà realizzarsi solo con l'affermazione del multipolarismo, ci dovrebbe essere una convergenza di obiettivi tra i due soggetti. Contrasti possono invece manifestarsi se la UE, tramite la NATO, contribuisse a tenere la pistola puntata contro Mosca, o se l'Unione intendesse estendersi ulteriormente ad est per includere territori storicamente e culturalmente di interesse russo, come Ucraina, Bielorussia e Georgia.

Credo, pertanto, che non sia avveduto per l'Italia e per l'Europa assecondare le attuali iniziative antirusse americane perché noi europei non abbiamo da difendere alcuna leadership, né abbiamo bisogno di un nemico su cui scaricare i nostri problemi interni, mentre avremmo tutto da perdere da una immotivata tensione internazionale, da una nuova guerra fredda, per non parlare di una guerra vera e propria. Come ci ha detto Henry Kissinger, l'epoca di un mondo unipolare sta volgendo al termine. Il non volerne prendere atto da parte dell'amministrazione Biden apre la strada a un percorso pericoloso o comunque denso di incognite."

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Positano Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie di Positano Notizie, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank: 10025100

Flusso di Coscienza

Flusso di Coscienza

Vacanze estive, in sole due settimane abbandonati più di 1000 cuccioli di cane

Il tema sempre attuale dell'abbandono degli animali, purtroppo, aumenta in modo esponenziale durante il periodo estivo ed è l'Enpa - Ente nazionale protezione animali - a segnalare attraverso un report, numeri drammatici. Ma sono anche le modalità a far venire i brividi ( e non solo per chi ama gli animali...

Flusso di Coscienza

Alla vigilia dell'evento per la sicurezza stradale di Sorrento, riproponiamo la riflessione dell'ing. Giuseppe Mormile

Riproponiamo un articolo dell'Ing. Giuseppe Mormile, esperto di sicurezza e lavoro, pubblicato sul portale on line Il Vescovado lo scorso 19 novembre 2021. Troppo semplice a seguito di un evento tragico o di un fenomeno calamitoso erigersi a risolutori, giudici, avvocati, tecnici. Pertanto questa mia...

Flusso di Coscienza

Orsini in un duro attacco contro Massimo Giannini, direttore de "La Stampa"

Giornali nazionali contro pagina social, uno scontro un tempo impensabile e che invece riesce a far comprendere come oggi, grazie anche alla libertà, seppur vigilata, delle piattaforme di condivisione del pensiero, il peso e la credibilità della stampa tradizionale sia decisamente da rivalutare. Tutto...

Flusso di Coscienza

Przemyśl, la nuova opera della street artist Laika dal titolo "Come with me - All Refugees Welcome"

Przemyśl, 22 aprile. Nella notte tra il 21 e il 22 aprile l'artista Laika è tornata a colpire con un nuovo blitz. L'opera dal titolo "COME WITH ME - ALL REFUGEES WELCOME" ritrae una donna rifugiata ucraina che fugge insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata siriana ed una bambina...

Connectivia è l'azienda leader in Costiera Amalfitana e a Positano per le soluzioni di connettività a banda larga e ultra larga in fibra e wirelessSal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera AmalfitanaUmberto Carro Fashion Store Positano Ceramica Assunta Positano - dal 1948 le ceramiche positanesiEGEA energie del territorio, il nuovo operatore green della Costiera Amalfitana: l'energia verde prende formaCardine SRL social page, rocciatori, lavori in quota, messa in sicurezza post frana, ripristino pareti roccioseLo compro a Sorrento - Positano NotizieVendita, fornitura e assistenza di macchine per caffè, cialde, caffè in capsule, Caffè Granato la garanzia di un espresso di assoluta eccellenza in Costiera AmalfitanaBasilico Italia Sorrento, Pizza, Pasta, Cuoppo, Italian gourmet, ristorante, presidio di gusto in penisola sorrentina

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.