Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Matteo apostolo

Date rapide

Oggi: 21 settembre

Ieri: 20 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Positano Notizie - Il portale on line di Positano e della Costiera AmalfitanaPositano Notizie Costiera Amalfitana

Il portale on line di Positano e della Costiera Amalfitana

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Il San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana con vista esclusiva sulla città verticale Internet e connettività in fibra ad alte prestazioni. Connectivia il tuo partner per le connessioni a banda ultra larga. Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaMielePiù, la scelta infinita - Atripalda e Salerno, 8000mq di esposizione con Vendita Arredo Bagno, leader in CampaniaGranato Caffè tutto il gusto del caffè espresso Napoletano - vendita e assistenza diretta in Costiera AmalfitanaPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilioContract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualità

Positano Notizie

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Pasticciere Sal De Riso Il San Pietro di Positano, Albergo esclusivo in Costiera Amalfitana con vista esclusiva sulla città verticale Internet e connettività in fibra ad alte prestazioni. Connectivia il tuo partner per le connessioni a banda ultra larga. Genea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaMielePiù, la scelta infinita - Atripalda e Salerno, 8000mq di esposizione con Vendita Arredo Bagno, leader in CampaniaGranato Caffè tutto il gusto del caffè espresso Napoletano - vendita e assistenza diretta in Costiera AmalfitanaPansa a Casa tua, i dolci della pasticceria Pansa consegnati direttamente al tuo domicilioContract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualità

Tu sei qui: Territorio e Ambiente«La calma arriva dopo la tempesta», l’emozionante omelia dell’Arcivescovo Soricelli a Positano

Territorio e Ambiente

Positano, Costiera amalfitana, fede, festa patronale, arcivescovo, tempesta

«La calma arriva dopo la tempesta», l’emozionante omelia dell’Arcivescovo Soricelli a Positano

"Il Vangelo che abbiamo ascoltato ci parla della tempesta sedata (Mc. 4, 35 - 41). A questo passo di Vangelo, in qualche modo, facciamo riferimento per descrivere la turbolenza vissuta in questa comunità. Una tempesta ha colpito la Comunità Positanese nell’ultimo anno e mezzo. Ma Gesù seda, calma, frena la tempesta"

Scritto da (Maria Abate), venerdì 7 agosto 2020 11:57:00

Ultimo aggiornamento venerdì 7 agosto 2020 11:57:00

Una bellissima omelia dell'Arcivescovo Orazio Soricelli ha caratterizzato l'inizio del Novenario per l'Assunzione della Beata Vergine Maria, a Positano, che è coincisa con l'insediamento di Don Danilo Mansi nella Chiesa Madre. Di seguito vi riportiamo il testo completo, che fa riflettere perché trae nel Vangelo gli spunti per vivere la quotidianità.

 

Carissimi, oggi, facciamo memoria della dedicazione della Basilica di Santa Maria Maggiore, una delle chiese più antiche dedicate alla S. Vergine nell'Occidente.

Questa festa è chiamata anche della Madonna della neve, perché si ricorda un curioso prodigio avvenuto il 5 agosto 352. La tradizione racconta che fu lo stesso papa Liberio a tracciare le misure della basilica sulla neve. Poi Papa Sisto III, poco dopo il Concilio di Efeso (431) che aveva proclamato la divina maternità di Maria, la consacrò in onore della Madonna.

Siamo a 10 giorni dalla solennità dell'Assunta e ormai siamo proiettati a contemplare la Santa Vergine che sale al cielo.

Il Profeta Geremia, nella prima lettura, annuncia al popolo il tempo della salvezza e della restaurazione di Israele. Gli esuli in Babilonia hanno trovato grazia davanti al Signore e ritornando sono sicuri di riedificare Gerusalemme. L'amore e la bontà di Dio hanno procurato la libertà agli Israeliti di cui apparente è stata la dimenticanza ma costante l'amore.

"Ti ho amato di un amore eterno, per questo ti conservo ancora pietà".

Se capissimo quanto Dio ci ama, la nostra vita sarebbe sempre serena e gioiosa, nonostante le inevitabili sofferenze dell'esistenza.

Il Vangelo che abbiamo ascoltato ci parla della tempesta sedata (Mc. 4, 35 - 41). A questo brano del Vangelo ha fatto riferimento Papa Francesco nella sua omelia del 27 marzo in Piazza San Pietro, per definire la situazione causata dal coronavirus.

A questo passo di Vangelo, in qualche modo, facciamo riferimento per descrivere la turbolenza vissuta in questa comunità.

Una tempesta, un mare burrascoso, caratterizzato dall'incertezza, dallo smarrimento e dalla preoccupazione ha colpito la Comunità Positanese nell'ultimo anno e mezzo.

Varie persone e in vari modi hanno chiesto al Vescovo, spiegazioni, motivazioni, fatti e circostanze. In molti casi la mia risposta, anche se attaccato e fatto bersaglio di varie accuse è stata il silenzio.

Nel silenzio, e nella solitudine che caratterizza le scelte del responsabile ho sofferto con voi, soprattutto nel dover tacere per tutelare persone e fatti che si sono succeduti in questi mesi. Essi meritavano discrezione e silenzio, non comizi mediatici o pubbliche spiegazioni. I fatti erano sotto gli occhi di tutti, ma a noi interessano le persone da salvare e non condannare. Il silenzio, il rimprovero, l'allontanamento sono serviti a far riflettere, a far prendere coscienza delle fragilità che possono caratterizzare la vita di tutti.

Un'immagine che mi ha accompagnato lungo tutto questo periodo turbolento è stata quella della tempesta sedata che vede come protagonisti i discepoli e Gesù in mezzo al mare in tempesta.

Gesù seda, calma, frena la tempesta.

Questo miracolo operato da Gesù - non sfugge a nessuno - ha soprattutto una grande portata simbolica, perché ognuno di noi nella propria vita conosce ore di tempesta. Anche la Chiesa, la comunità dei discepoli, a volte si trova in situazioni di contraddizione tale da sentirsi immersa in acque agitate, in marosi, in un vortice che minaccia la sua esistenza. Anche la vostra Comunità ha fatto quest'esperienza. In queste situazioni, in particolare quando durano a lungo, si ha l'impressione che l'invisibilità di Dio sia in realtà un suo dormire, un non vedere, un non sentire le grida e i gemiti di chi si lamenta. Sì, la poca fede, la paura, lo sconcerto fa gridare ai credenti: "Dio dove sei? Perché dormi? Perché non intervieni?" (cf. Sal 35,23; 44,24; 59,6, ecc.).

Dobbiamo confessarlo: anche se magari crediamo di avere una fede matura, di essere cristiani adulti, nella prova interroghiamo Dio sulla sua presenza, arriviamo anche a contestarlo e talvolta a dubitare della sua capacità di essere un Salvatore. Arriviamo a mettere in discussione i suoi ministri e la stessa Chiesa.

La sofferenza, l'angoscia, la paura, la minaccia recata alla nostra esistenza personale o comunitaria ci rendono simili ai discepoli sulla barca nella tempesta. Per questo Gesù li deve rimproverare con parole dure. Non solo chiede loro: "Perché siete cosi paurosi?", ma aggiunge anche: "Non avete ancora fede?". Discepoli senza fede, senza adesione a Gesù: lo seguono, lo ascoltano, ma non mettono in lui piena fiducia.

Il Maestro si desta, sgrida il vento ed esorcizza il mare, "dicendogli: ‘Taci, calmati!'. E subito il vento cessò e vi fu grande bonaccia".

Mi auguro che da questa sera per Positano inizi un tempo di grande bonaccia, di navigazione sicura, di vento favorevole. Mi auguro che la barca della Comunità Positanese riprenda la navigazione in acque più tranquille. Ciò sarà possibile se guardiamo avanti e non indietro, se guardiamo al futuro e non al passato, se tutti farete la vostra parte, in obbedienza al Maestro, che ci chiede di scrivere nuove pagine e di chiudere capitoli dolorosi.

C'è un nuovo responsabile della barca, affiancato da altri marinai.

Don Danilo è il responsabile, a lui affido la guida della Comunità. Lui è il punto di riferimento e colui che darà ritmo e direzione alla barca, in comunione con il Vescovo.

Sulla barca non possono esserci più punti di riferimento, altrimenti si genera disorientamento e confusione.

Ringrazio don Giulio per aver guidato fino a questa sera questa barca. Ho apprezzato la sua disponibilità a riprendere la guida della Comunità Positanese in un momento di smarrimento e tempesta, in un momento di sconcerto e frastuono. In quei giorni terribili, del mare in tempesta, avrebbe potuto tirarsi indietro, accampare scuse e giustificazioni, invece come conviene a un vero capitano ha accettato la guida della Comunità. Nulla ha fatto per "occupare un posto" se non obbedire al Vescovo.

Ora per lui inizia il tempo del riposo e del cedere il passo al nuovo Parroco. Sarà presente e parteciperà con saggezza e discrezione.

Grazie a Don Ciriacus, che con impegno e dedizione si è speso per questa Parrocchia, ora anche per lui è il tempo non solo di continuare a lavorare, ma di assumere anche altre responsabilità, come la collaborazione a Montepertuso.

Grazie anche a Don Andrea che con la semplicità ed il sorriso collaborato alla vita della comunità.

Grazie a quanti, nel passato hanno lavorato per rendere viva e bella questa comunità parrocchiale.

Caro Don Danilo, ti viene consegnata questa sera, una barca che ha una tradizione e una storia fatta di tanti momenti belli e luminosi; la tempesta ha rischiato di farla naufragare, ma insieme ci fidiamo del Signore che ancora una volta allontana le potenze del male facendole tacere e imponendo ai venti di calmarsi.

Carissimo Don Danilo, i disegni del Signore sono misteriosi. Sei cresciuto sotto lo sguardo materno di Santa Maria a mare, di Maiori, oggi nella memoria della Madonna della neve, tante volte celebrata a Conca dei Marini, compi il passaggio alla Madonna di Positano.

Ti affido alla protezione di San Giovanni Maria Viannei, il Santo curato d'Ars, patrono dei parroci, che ieri abbiamo festeggiato.

Carissimi Positanesi, da esperti marinai quali siete, sapete che la calma arriva dopo la tempesta, mettete da parte tutto ciò che divide, ritornate a remare tutti nella stessa direzione, affidandovi all'unico Maestro che può riportare serenità e gioia in questo angolo di paradiso in terra.

La Vergine di Positano, benedica tutti e assicuri a questa Comunità una buona e fruttuosa navigazione. Amen!

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Positano Notizie!

Scegli il tuo contributo con

Per rimanere costantemente aggiornati con le notizie di Positano Notizie, in tempo reale sul tuo smartphone, scarica la App!

Per dispositivi
Apple
Per dispositivi
Android

Galleria Fotografica

rank:

Territorio e Ambiente

Territorio e Ambiente

Scoperta rete da pesca pericolosa per bagnanti e natanti

Nella giornata di giovedì, 17 settembre 2020, nel corso dell'ordinario servizio di pattugliamento, personale dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico specializzato alla guida degli acquascooter, durante la navigazione di vigilanza in località Fuenti del Comune di Cetara, ha notato una rete...

Territorio e Ambiente

Materiale franoso mette a rischio la Statale Amalfitana

Pietre e materiale franato mette a rischio la viabilità in Costiera Amalfitana all'altezza di Fiosse nel Comune di Positano. A rilanciare la notizia è Giovanni Cuccaro con un commento all'interno del gruppo Problematiche Positano, che già lo scorso gennaio aveva segnalato sul suo profilo personale con...

Territorio e Ambiente

Cimitero di Nocelle ancora chiuso il sabato mattina /Foto

Il cimitero è un luogo che in qualche modo tutti riconosciamo e che ha una funzione sociale molto importante. Esso permette di rimanere in contatto con le persone a noi care che ci hanno lasciato permettendoci un sollievo del nostro spirito. Andare al cimitero è un'azione che ha le sue regole precise,...

Territorio e Ambiente

Positano, fino al 31 ottobre nuovo semaforo sulla SS163 per bonifica ai costoni

Lungo la Strada Statale 163 "Amalfitana", nel territorio di Positano, sarà attivo, fino al prossimo 31 ottobre, un nuovo senso unico alternato tra il chilometro 10,100 e il 10,400 (da non confondere con il semaforo al km 18,300, al confine con Praiano). Il provvedimento si è reso necessario per l'esecuzione...

LI.RA TV Salerno, il portale news della TV in Provincia di Salerno e in Campania, Costiera Amalfitana, Cilento, Napoli, Avellino, Caserta, BeneventoSal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera AmalfitanaConnectivia Fiber soluzione. Soluzioni di connettività in fibra e wireless ad altissime prestazioniMielePiù, la scelta infinita - Avellino - Salerno - architettura sanitaria - arredo bagni - termoidraulica - climatizzazione - riscaldamento - leader in CampaniaCardine SRL social page, rocciatori, lavori in quota, messa in sicurezza post frana, ripristino pareti roccioseLo compro a Sorrento - Positano NotizieAntica Pasticceria Pansa Amalfi Vendita, fornitura e assistenza di macchine per caffè, cialde, caffè in capsule, Caffè Granato la garanzia di un espresso di assoluta eccellenza in Costiera AmalfitanaIl sito web ufficiale della Chiesa di Positano dedicata a Santa Maria AssuntaBasilico Italia Sorrento, Pizza, Pasta, Cuoppo, Italian gourmet, ristorante, presidio di gusto in penisola sorrentinaUmberto Carro Fashion Store Positano